DIDATTICA A DISTANZA CLASSE 1? UNA BELLA SFIDA!

Questo è il periodo dell’anno scolastico in cui i bambini delle classi prime si avviano, solitamente, all’acquisizione della letto- scrittura. Per noi, purtroppo, tutto sembrava essersi interrotto sul più bello!
E, invece, no! Grazie alla collaborazione delle famiglie , attente e partecipi agli stimoli, alla guida della nostra preside e all’ entusiasmo dei bambini stiamo riuscendo a portare avanti il nostro lavoro, cercando di accorciare le distanze, per continuare il nostro magico viaggio nel mondo delle “lettere”.
Ecco due dei lavori che i bambini della classe 1 di Godrano hanno realizzato: “La filastrocca del Corona Virus“.
Un esempio che coniuga l’importanza del continuare a lavorare in maniera piacevole e significativa e l’esigenza di raggiungere gli obiettivi propri della classe 1.

G.C.

#ANDRÀ TUTTO BENE

Le insegnanti della scuola dell’infanzia di Villafrati hanno proposto ai bambini e alle loro mamme di aderire all’iniziativa di realizzare l’arcobaleno della speranza, allo scopo di lanciare un’onda di positività e nello stesso tempo di impegnare e far divertire i bambini costretti a stare in casa.
L’invito è stato accolto con entusiasmo, tutti uniti nel produrre quel messaggio d’amore, speranza e tanto colore “ANDRÀ TUTTO BENE “ su lenzuola, cartoncini, fogli che hanno esposto su balconi e finestre per dare un po’ di colore al nostro paese in questa situazione grigia.
L’arcobaleno dei bimbi è ormai un simbolo di questi giorni difficili in attesa che torni il sole e potremo finalmente riabbracciarci e sorridere INSIEME!!!

R.A.

L’UNIONE FA LA FORZA!

La situazione d’emergenza in cui ci troviamo non ci permette di andare  a scuola, ma nel nostro Istituto le attività continuano nel rispetto delle progettazioni di ogni ordine e grado scolastico.

Ad esempio i bambini della scuola dell’infanzia I.Gattuso di Mezzojuso, portando  avanti il progetto “mani in pasta”, si sono dedicati alla preparazione dei tradizionali “panuzza di San Giuseppe”, e allo stesso tempo hanno prodotto dei lavoretti per la festa del papà.

La collaborazione scuola/ famiglia è sempre stato il punto forte del nostro Istituto e possiamo dire che in questa occasione è diventata una vera ricchezza.

L.L

LETTERA DEL DIRIGENTE

Cari docenti,
al termine di questa seconda settimana di sospensione delle lezioni a seguito dell’emergenza coronavirus e prima di affrontare i tecnicismi dell’erogazione e-learning, vorrei ringraziare ognuno di voi, ad uno ad uno, per l’impegno profuso fin dal primo giorno di sospensione, nonostante le difficoltà e le distanze, nel mantenimento del dialogo educativo con i nostri alunni.

Davvero il nostro, ben più che un lavoro, è una missione e mai come ora il nostro ruolo ci induce a coltivare nei nostri bambini e giovani adolescenti quei semi di speranza di cui loro per primi sentono il bisogno.

Risultato immagini per didattica a distanza

La didattica a distanza che abbiamo allestito, non senza timori e perplessità, è divenuta con il passare dei giorni un filo teso, invisibile eppure presente, segno che la normalità e con essa le rassicuranti certezze della routine quotidiana non sono affatto perdute ma solo nascoste. La coltre pesante di cui ora sono ammantate non ha smorzato, infatti, la funzione della vostra presenza accanto ad ogni alunno. Superando le barriere dello spazio e del tempo, i messaggi e i materiali di studio di questi giorni sono stati piccole luci che hanno alimentato la speranza, sbaragliato la noia, mantenuto il dialogo e con esso la fiducia.


Sì, perché mentre il mondo sembra fermarsi, noi dimostriamo che è possibile, anzi doveroso, continuare. Continuare a crescere, a coltivare le proprie conoscenze, a stringere ulteriori legami in un tempo ritrovato. Quella che può apparire come una brusca frenata della storia, potrebbe essere invece un’opportunità per ripensare la fragile condizione dell’uomo e il suo rapporto con la natura o per rileggere consapevolmente i corsi e ricorsi della storia. Ogni sosta è un riprendere fiato prima di spiccare un salto ancora più in avanti.


La didattica a distanza che stiamo realizzando non è mera trasmissione di contenuti ma strumento di rinascita. Essa accompagnerà i nostri studenti lungo questo periodo, suggerirà pensieri positivi e li aiuterà ad elaborare le criticità del presente, sapendo che non sono soli. Ben vengano, quindi, le opportunità offerte dalla tecnologia che rinsaldano la comunicazione e che vi invito ad esplorare: videoconferenze, chat di gruppo, classi virtuali.

Si tratta di alcuni suggerimenti per vivacizzare la relazione educativa e cogliere le reazioni degli alunni, che saprete senz’altro adattare alle vostre specifiche esigenze. E, come ci ha insegnato il caro padre Pino Puglisi, il contributo di ognuno segnerà il superamento del difficile momento che siamo chiamati a vivere!

Un caloroso saluto,

E.I.